back to » Occidentale

Minorca: cala Binisafulla

Minorca: cala Binisafulla Minorca: cala Binisafulla Maurizia Novelli
(3 Voti)

La bella e piacevole rada di Binisafulla si apre sulla costa sudorientale di Minorca, a poco più di un miglio a NW di quella più frequentata di Binibeca.

Se interessati alla descrizione dettagliata della rada di Binibeca, andare all’articolo.

binisafulla 2 generale earth

Si tratta di un’insenatura piuttosto ampia, delimitata ad W da Capo d’en Font e suddivisa in tre parti, in ciascuna delle quali è possibile l’ancoraggio, da due isolotti che sporgono perpendicolarmente dalla riva N, Illot d’en Marsal e Islote de Binisafulla.

Ho indicato i tre possibili ancoraggi con tre simboli di un’ancora gialla, nella seguente immagine dal satellite.

binisafulla 3 dettaglio earth

Avvicinamento, pericoli

Va prima di tutto segnalata la presenza di una insidiosissima secca rocciosa, coperta da poca acqua (Llosa d’en Mig), posta circa a metà tra i due isolotti: tale secca è ben riconoscibile dal colore dell’acqua, a patto di arrivare nelle ore centrali della giornata, mentre è di difficile individuazione alla mattina presto e alla sera.

Nella seguente fotografia, scattata dal tender, ho evidenziato la secca Llosa d’en Mig, particolarmente insidiosa per la sua posizione centrale nella rada e per la sua estensione, con un ovale di colore rosso.

binisafulla 4 secca

Un’altra secca rocciosa alla quale bisogna prestare grande attenzione sporge a SW di Illot d’en Marcal.

Ancoraggi

Ancoraggio 1

L’ancoraggio più occidentale, compreso tra Cap d’en Font e l’Illot d’en Marsal (che va tenuto a debita distanza, per evitare la secca rocciosa di cui sopra), è caratterizzato dalla presenza di una sacca di sabbia molto estesa sul fondale, che però è piuttosto profondo (12-16 metri).

Per la notevole profondità del fondale, è di solito più utilizzato da imbarcazioni a motore di dimensioni piuttosto grandi.

L’ansa a NW di questo ancoraggio è orlata da pareti basse e rocciose dalle quali si affacciano sul mare le ville lussuose di un’elegante urbanizzazione, che non deturpa assolutamente il paesaggio.

binisafulla 5 ville

La riva N si apre in una splendida insenatura dall’acqua cristallina, trasparente e di un azzurro sorprendente, orlata da una minuscola spiaggetta di rara bellezza incastonata tra pareti rocciose, sulle quali si abbarbicano i bagnanti.

Consigliatissimo scendere a terra con il tender, ancorarlo dove inizia la zona riservata alla balneazione (segnalata dai soliti galleggianti gialli), e raggiungere la riva a nuoto per un bagno veramente piacevole.

binisafulla 6 spiaggetta

Ho indicato con una freccia gialla la posizione di questa deliziosa spiaggetta sulla precedente immagine dal satellite.

Ancoraggio 2

Il secondo ancoraggio (per inciso quello che abbiamo utilizzato noi), si trova tra Illot d’en Marsal e Islote de Binisafulla.

Ancorare a E della secca rocciosa Llosa d’en Mig, ovviamente mantenendosi a debita distanza, su una sacca di sabbia chiara buon tenitore, su 7-8 metri di profondità, di fronte a una piccola insenatura che ospita un minuscolo porticciolo riservato a piccole imbarcazioni ormeggiate su gavitelli.

La parte più a NE dell’ancoraggio 2 è parzialmente ostruita da gavitelli permanenti di privati, non utilizzabili dalle barche in transito.

binisafulla 7 ancoraggio

Ho indicato la zona dedicata ai gavitelli con un rettangolo giallo sulla precedente immagine dal satellite.

Con il tender è possibile scendere a riva e raggiungere la spiaggetta che orla il porticciolo a N.

La spiaggetta, durante la giornata, è molto frequentata dai bagnanti e non è possibile tirare in secca il canotto, perché darebbe troppo fastidio.

binisafulla 8 porticciolo

Noi siamo scesi a terra solo in serata e abbiamo chiesto il permesso di ormeggiare il tender allo scivolo che si trova accanto alla spiaggetta, per circa mezz’oretta, giusto il tempo di scendere per un aperitivo...

binisafulla 9 porticciolo

Dalla spiaggia, con una breve passeggiata, si raggiunge il ristorante pizzeria Opera tel.+34 871 70 28 90, gestita da italiani molto gentili che propongono pizze e focacce molto buone.

Nel piazzale della pizzeria ci sono bidoni per la raccolta differenziata dei rifiuti.

Manca invece, nelle immediate vicinanze, un market per la spesa.

Il market, infatti, si trova solo in prossimità di Cala Fust, a Binibeca Vell.

Ancoraggio 3

E’ anche possibile ancorare ad E di Islote Binisafulla, su una sacca di sabbia non molto estesa.

Tale ancoraggio non è molto ampio e ci stanno poche barche.

Lungo la riva E si apre una bella insenatura (che ho indicato con una freccia gialla sulla precedente immagine dal satellite) con acqua limpida e azzurra per un bel bagno.

binisafulla 10 ancoraggio

I tre ancoraggi descritti sono tutti ben ridossati da NE e dall’onda da E che ne viene generata (noi siamo stati a Binisafulla con vento di NE di 20 nodi e siamo stati benissimo).

La rada Binisafulla è, generalmente, meno frequentata di altre insenature di Minorca, perché vicino all’aeroporto e quindi piuttosto rumorosa.

Qualunque ancoraggio si decida di utilizzare, dei tre prima descritti, è consigliabile fare un giro con il tender e costeggiare la riva da Cap d’en Font fino ad arrivare a Cala Fust, per ammirare alcuni scorci davvero suggestivi.

I passaggi tra la terra e gli isolotti sono da affrontare con cautela anche in tender, perché in certi punti il fondo è poco profondo, ma sono comunque praticabili.

binisafulla 11 passaggi isolotti

Cala Fust è più rocciosa di Binisafulla e meno sicura, anche per la presenza di una secca e di bassi fondali rocciosi nella parte E dell’insenatura.

Il fondo della rada ospita un porticciolo con ormeggi permanenti, utilizzabile solo da imbarcazioni di piccole dimensioni e modesto pescaggio.

Caratteristica l’urbanizzazione di Binibeca Vell, con le sue casette bianche e l’architettura forse eccessivamente falsa e studiata.

binisafulla 12 cala fust

Un supermercato in paese.

Ricordiamo con piacere la giornata passata in questa bella rada, terminata con uno splendido tramonto.

binisafulla 13 tramonto

share this item
facebook googleplus linkedin rss twitter youtube
item hits
Letto 1348 volte