back to » Centrale

Sicilia: Capo Zafferano

Sicilia: Capo Zafferano Sicilia: Capo Zafferano Maurizia Novelli
(0 Voti)

Abbiamo utilizzato questo piacevole ancoraggio come sosta per un bagno durante un trasferimento da Mondello a Termini Imerese (verso cui eravamo diretti per cercare ridosso in porto per via di previsioni meteo poco rassicuranti).

Questa insenatura è infatti situata 11 miglia a SE di Mondello ed altrettante a WNW di Termini Imerese e offre un riparo abbastanza gradevole da venti deboli da W e NW.

capo zafferano 2 generale earth

 

Avvicinamento, pericoli

Provenendo da NW, la rada diventa visibile dopo aver doppiato Capo Zafferano, sormontato dall’omonimo faro cospicuo e da cui sporge a circa 80 metri da riva lo scoglio Isolotto.

capo zafferano 3 dettaglio

 

Le seguenti fotografia sono state scattate in avvicinamento alla rada da N.

Nella prima si distinguono il faro (cospicuo) e lo scoglio Isolotto.

capo zafferano 4 avvicinamento faro

 

Nella seconda è visibile l’ancoraggio del Seno di Sant’Elia.

capo zafferano 5 avvicinamento ancoraggio

 

In avvicinamento da SE, invece, prestare attenzione allo Scoglio Formica, situato a 1,3 miglia dalla rada, proprio sulla rotta per Termini Imerese.

Si tratta di una secca rocciosa affiorante, segnalato da una meda.

L’area circostante allo Scoglio Formica è regolamentata e vi sono vietate navigazione, pesca, ancoraggio.

Ancoraggio

L’insenatura non è profondamente scavata nella costa e Capo Zafferano, con la sua costa erta e dirupata, fornisce di conseguenza un ridosso solo parziale da venti moderati di NW.

Noi vi abbiamo sostato in modo gradevole con un maestralino di 10 nodi.

Il fondo, soprattutto nella parte più settentrionale della rada, decresce piuttosto rapidamente verso il largo.

Ancorare dove approssimativamente indicato dai simboli dell’ancora sulla precedente immagine dal satellite, su un fondo di 10-12 metri caratterizzato da alternanza di alghe e modeste sacche di sabbia, mantenendosi al largo da una serie di gavitelli che delimitano la zona riservata alla balneazione.

A riva molte costruzioni, per lo più ville immerse nel verde, che non deturpano più di tanto il paesaggio.

La rada, che alla mattina presto è abbastanza tranquilla, nelle ore centrali della giornata si riempie di imbarcazioni grandi e piccole, e l’acqua non sempre si mantiene pulita.

Offre comunque la possibilità di una sosta abbastanza suggestiva con buone condizioni meteo.

La seguenti fotografie ritraggono la parte N dell’ancoraggio…

capo zafferano 6 ancoraggio nord

 

…e quella S.

capo zafferano 7 ancoraggio sud

 

Dopo qualche ora di riposo, abbiamo salpato per raggiungere il porto di Termini Imerese, viste le avverse condizioni meteo previste per i giorni successivi.

Ed ecco come si presenta Capo Zafferano, con il suo caratteristico profilo, visto dal largo.

capo zafferano 8 partenza

 

Ricordo ancora di prestare attenzione allo Scoglio della Formica, situato parecchio al largo (circa 1,3 miglia) e proprio sulla rotta che collega l’insenatura con Termini Imerese.

capo zafferano 9 generale earth

 

Altri ancoraggi

Immediatamente a S di Solanto si trova un ancoraggio su 5-8 metri di sabbia, ridossato da NW, W e SW.

Ancorare nella parte N della insenatura (che comunque è molto aperta).

L’acqua è torbida e poco invitante.

Per comodità di chi legge segnalo anche la possibilità di ancorare nell’area portuale di Termini Imerese, appena a S della diga di sottoflutto, ben riparati da quasi tutti i venti dalla diga foranea.

share this item
facebook googleplus linkedin rss twitter youtube
item hits
Letto 563 volte